Ri-torni.

Avanzi nell’oscurità e vai scoprendo che è bello anche camminare per le strade ed ascoltare i tuoi passi
e sentire la notte di coloro che dormono già
e comprenderli come un unico essere,
come se riposassero da una stessa stanchezza
tutti nello stesso sonno.

Ma avanzi ancora.
Ora vedi
la povertà insonne, vedi il freddo
bianco e carnale, e, alla fine, senti
che pesa molto, troppo,
il tuo cuore.
E ritorni.

Antonio Gamoneda, da Canción errónea, 2012

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...